Le luminarie e l'economia dell'Isola

 Immaginiamo un' economia rurale in cui si coltivi solo ed esclusivamente grano, di cui una parte del raccolto non viene consumata ma reinvestita nella semina per l'anno successivo. Si vive di grano ed il futuro è aggrappato ad un' unica risorsa. Pare ovvio a tutti che un' economia basata su una simile monocoltura sarebbe molto delicata perché rischierebbe di collassare alla prima siccità. Eppure…

...

Essenzialmente NO


Cominciamo col dire che l'idea che la Costituzione possa essere ritoccata e che in particolare il bicameralismo possa essere superato, è un assunto che nessuno mette in dubbio. Soprattutto non può non piacere l'idea di diminuire il numero dei senatori o quella di abolire un ente inutile come il CNEL.

Ma il cittadino avveduto deve saper riconoscere il vero succo di una proposta dagli specchietti pe…

...

Negozi chiusi, aperti o X

Capri, 4 Novembre, tempo clemente, le strade pullulano di turisti, è arrivata una crociera .

Capri, 5 Novembre ci sono tanti gruppi di Francesi, Coreani e Cinesi nonostante le condizioni meteo/marine siano decisamente avverse e la traversata consigliata "only for the braves" .

I negozi aperti, però, si contano sul palmo della mano: la litania è sempre la stessa, a Novembre chiude definitivamente…

...

Non aprite quel cancello!

Mo dicono che vogliono riaprire via Krupp. Ma, siccome il Comune non c'ha i soldi per mettere in sicurezza la strada, hanno pensato di affidare l'opera a un privato che, una volta realizzati i lavori necessari, la prenderebbe in concessione per tot anni. Sembrerebbe una buona idea, ma non lo è. È una cosa illogica, ingiusta, antisociale, una vera minchiata.

Riaprire via Krupp intendo.


Perché ria…

...

NASPI 2016: istruzioni per l'uso

L'estate è ormai finita e mano a mano arrivano a scadenza anche i classici contratti di lavoro "stagionali". E' dunque di nuovo tempo di preparare la domanda di disoccupazione, tenendo conto però delle novità di quest'anno.

I requisiti per fruire dell'indennità sono gli stessi dello scorso anno: bisogna aver accumulato almeno 13 settimane di lavoro negli ultimi quattro anni ed almeno trenta giorni…

...

Così parlarono Renzi  Boschi e Verdini

L'altro giorno guardavo questo servizio televisivo (che vi ripropongo più giù) in cui alcuni signori intervistati alla festa dell' Unità confessavano candidamente di non capirci nulla della Riforma Costituzionale, che volutamente - secondo loro - sarebbe stata scritta in maniera troppo difficile in modo che non fosse compresa dai cittadini, e che, nonostante questo, voteranno a favore. Ci stava an…

...

Come abbuscarsi una sciammera a Capri

L'articolo che segue utilizza un linguaggio triviale e osceno; i suoi contenuti sono maschilisti e retrogradi. Pertanto la sua lettura è sconsigliata a chiunque.

Lo stesso autore ne disconosce la paternità e si dichiara incapace di intendere e di volere.

Egli, inoltre, precisa che lungi dall'essere un chiavettiere, basa le sue stron...ehm, stravaganti teorie, sull'osservazione (poco) scientific…

...

Tanta voglia di ricominciare (la scuola) abusiva

Parcheggi abusivi, applausi abusivi, villette abusive, abusi sessuali abusivi.

Tanta voglia di ricominciare abusiva. 

"La terra dei cachi", Elio e le storie tese, 1996.

Il sequestro di aule scolastiche abusive è un avvenimento che si addice più al wishful thinking di un alunno svogliato che alla realtà. E invece, essendo ancora troppo presto per i compiti in classe con annesse pratiche propiziato…

...

La scuola, questa sconosciuta: IL PROF/LA PROF E LA TEORIA DEL FAGIOLO NELL'OVATTA

Ed ora, giunti a questo terzo appuntamento, vogliamo spenderla una parola versus certi docenti che concorrono all'insuccesso dei ragazzi? Spendiamola. Appartengono, costoro, a varie tipologie. Sono, per esempio, soggetti che hanno ripiegato sull'insegnamento per impossibilità nel trovare una via più confacente ai propri studi; oppure persone frustrate, con problematiche e complessi personali che g…

...

La scuola, questa sconosciuta: I GENITORI, QUESTI MARTIRI

La volta scorsa  si diceva che sono tempi magri per lo studio, questi. Le cause? Sono numerose: la società attuale che travolge con i suoi ritmi e le sue offerte di svago; la tecnologia che ha soppiantato il buon vecchio libro e la lettura (questo problema richiederebbe un capitolo speciale); il disinteresse verso le varie problematiche umane; il dissolvimento delle ideologie; l’ appiattimento cul…

...

Pagina 2 di 7

Utilizziamo i cookie per fornire una migliore esperienza per i nostri utenti. Usando questo sito web, voi acconsentite al utilizzo dei cookie